Stalking e Violenza

Molestie e violenze psicologiche

 

violenza-donneLo Studio Lopane si occupa della violenza nelle sue varie forme.

Violenza Sessuale: ogni imposizione di pratiche sessuali non desiderate che possono comprendere la coercizione alla sessualità, l’essere insultata/o, umiliata/o o brutalizzata/o durante un rapporto sessuale, l’essere presa/o con la forza, l’essere obbligata/o a ripetere delle scene pornografiche, l’essere prestata/o ad altri per un rapporto sessuale.

Maltrattamento Fisico: ogni forma d’intimidazione o azione in cui venga esercitata una violenza fisica su un’altra persona; comprende comportamenti quali spintonare, costringere nei movimenti, sovrastare fisicamente, rompere oggetti come forma di intimidazione, sputare contro, dare pizzicotti, mordere, tirare i capelli, gettare dalle scale, calciare, picchiare, schiaffeggiare, bruciare con le sigarette, privare di cure mediche, privare del sonno, sequestrare, impedire di uscire o di fuggire, strangolare, pugnalare, uccidere.

Maltrattamento Economico: ogni forma di privazione e controllo che limiti l’accesso all’indipendenza economica di una persona; può comprendere comportamenti quali la privazione delle informazioni relative al conto corrente ed alla situazione patrimoniale e reddituale del partner, la non condivisione delle decisioni relative al bilancio familiare, il rifiuto di pagare un congruo assegno di mantenimento in caso di separazione tra coniugi, l’impedimento  a lavorare.

Maltrattamento Psicologico: è ogni forma di abuso e mancanza di rispetto che lede l’identità personale. Il maltrattamento psicologico procura una grande sofferenza e si manifesta con molteplici tipologie e modalità: la svalorizzazione, il trattare come un oggetto, l’eccessiva attribuzione di responsabilità, l’indurre un senso di privazione, la distorsione della realtà oggettiva.

Stalking: è una forma di violenza psicologica ed è definito come una serie ripetuta nel tempo di comportamenti persecutori messi in atto da persone legate alla vittima da un qualsiasi tipo di relazione.  Queste azioni, che possono assumere forma di insistenti e controllanti telefonate, di pedinamenti, di appostamenti o di una vera e propria aggressione fisica, creano una grande ansia in chi li subisce con una percezione  di rischio per  la propria incolumità fisica. Il terreno in cui nasce e si organizza il fenomeno dello stalker è la relazione, intima e privata, che si crea tra vittima e persecutore.  Il comportamento di stalking viene agito per diversi motivi, per  recuperare la relazione,  per vendicarsi dei torti che si immagina di aver subito, per dipendenza affettiva o per continuare a mantenere un controllo sulla vittima.

Mobbing: definito come una“forma di terrore psicologico sul luogo di lavoro”  esercitato in modo costante e ripetuto nel tempo, contro un lavoratore al fine di emarginarlo ed escluderlo dal contesto lavorativo. Tale violenza può generare nell’individuo conseguenze molto serie per la propria salute psicofisica, quali sintomi ansiosi e depressivi, aggravabili dai problemi familiari ed economici che possono nascere in seguito all’assenza prolungata o all’allontanamento dal posto di lavoro. Comprende comportamenti quali il trasferimento della vittima in un ufficio lontano dai colleghi, il divieto di dialogare con la vittima, comportarsi come se la vittima non esistesse, limitare e interrompere la possibilità di esprimersi, urlare o riprovare violentemente,  minacciare verbalmente o per iscritto, criticare la vita privata, criticare il lavoro svolto, ridicolizzare davanti agli altri,assegnare compiti molto al di sotto della qualifica professionale, assegnare sempre nuovi compiti, togliere mansioni senza alcuna giustificazione, togliere ogni tipo di attività lavorativa.

Queste molestie e violenze sono effettuate in maniera subdola, non troppo evidente, allo scopo di destabilizzare l’altro senza che chi le attua se ne assuma la responsabilità. Infatti, spesso, la vittima si colpevolizza a tal punto da ritenere di meritare tali comportamenti.

Nel passato affettivo e relazionale dei soggetti vittime di tali molestie e violenze si riscontra un modello simile nella coppia genitoriale.

Archivi

settembre: 2017
L M M G V S D
« dic    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  
Dott.ssa Marialuisa Lopane